Follonica
Follonica
Firenze
+39 0566 58619 [email protected] Via del Fonditore, 845, Follonica, 58022 GR, Italia
+39 055 433044 [email protected] Via Pietro Fanfani, 19 b, Firenze, 50127 FI, Italia

Trattamento Fumi Inceneritore

Settore Azienda Committente:Inceneritore Pubblico
Tipologia Impianto:Inceneritore pubblico per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e per i rifiuti ospedalieri. Potenzialità 120 t/die, 3 linee di incenerimento, 2 turbine a vapore.
Settore Azienda Committente:Inceneritore Pubblico
Tipologia Impianto:Inceneritore pubblico per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e per i rifiuti ospedalieri. Potenzialità 120 t/die, 3 linee di incenerimento, 2 turbine a vapore.

Problematica Emersa:

Sull’impianto era stato inserito un sistema di analisi FTIR che presentava frequenti malfunzionamenti. Questi costringevano a ripetute fermate dell’impianto, con gravi conseguenze sullo smaltimento dei rifiuti. Il cliente si è rivolto ad opus automazione per analizzare le condizioni che portavano lo strumento in condizioni di anomalia. Misure richieste per ogni linea: CO, CO2, SO2, NO, NO2, O2, NH3, HCl, TOC, Hg, campionamento diossine, polveri, portata, temperatura.

Descrizione dell'intervento

Il trattamento fumi all’interno di un inceneritore pubblico per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e per i rifiuti ospedalieri presentava diverse anomalie.
Il sistema di trattamento fumi prevedeva uno scrubber il quale portava la concentrazione dell’H2O ad un livello molto elevato, circa 60%.
Lo FTIR non riusciva a mantenere nella camera di misura una temperatura sufficiente (180°C) per evitare forme di condensa.
Tale condensa opacizzava gli specchi di riflessione nella camera di misura e quindi il detector non rilevava la misura.
La soluzione fornita da opus ha previsto di modificare radicalmente il sistema di campionamento, trasporto e trattamento del gas, cercando di mantenere la temperatura del gas almeno sopra 160 °C. Ciò ha richiesto anche la modifica del sistema di riscaldamento della camera di misura, creando di fatto una situazione di contestazione con il costruttore dell’analizzatore FTIR.
È stata preparata un’analisi dei costi/benefici e la soluzione finale è stata quella di sostituire l’analizzatore FTIR con un analizzatore multi parametrico ad 8 canali.


La scelta è risultata vincente
: dopo circa 6 anni l’impianto è stato raddoppiato come potenzialità termica ed è stata realizzata un’altra linea di incenerimento.
I sistemi stanno attualmente funzionando con tre linee di gas in commutazione automatica sui due analizzatori multi parametrici multicanale. Il software di acquisizione dati, conforme alle normative vigenti, implementa la ridondanza calda dei server per la massima garanzia di funzionalità.