RASSEGNA STAMPA

Era il 1997 quando quattro giovani tecnici decisero di aprire un’azienda innovativa al servizio delle industrie. Vent’anni fa da un’idea di Stefano Batistini, Ineska Brbic, Gabriele Cavicchioli e Simone Gabbricci nacque a Follonica Opus Automazione: quattro professionisti che, sfidando il mercato, vollero unire le loro professionalità per offrire servizi all’avanguardia nel comparto industriale della Toscana. Da allora gli obiettivi sono cresciuti ed Opus dalla Toscana è passata ad operare nel mondo, con contratti in Cina e negli Stati Uniti.

Le sedi oggi sono due, sempre in Toscana, la casa madre di Follonica e un distaccamento a Firenze, con 50 dipendenti in totale. Di anno in anno Opus è cresciuta sia in termini di mercato che di capitale umano, differenziandosi in quattro settori principali: ambiente (sistemi di analisi fluidi, in emissione e di processo), automazione industriale, difesa & automotive (banchi prova) e turbomachinery (performance test e controlli non distruttivi).

E l’azienda toscana ha celebrato il traguardo del ventennale con una serata al Pelagone Golf Hotel di Gavorrano alla quale hanno preso parte 120 invitati tra dipendenti, clienti, fornitori e autorità.

A portare il proprio saluti c’erano i sindaci di Follonica Andrea Benini, di Scarlino Marcello Stella e di Gavorrano Elisabetta Iacomelli, il deputato Luca Sani, il direttore di Confindustria Toscana Sud Antonio Capone, il presidente della Camera di commercio del Tirreno e della Maremma, Riccardo Breda.

Presenti tra gli altri anche Claudio Saragosa, Guido Mario Destri e Claudio Ceroni.

L’evento è stato coordinato dal giornalista Giancarlo Capecchi: dopo un filmato sulla mission aziendale – incentrata su sei principi ispiratori che sono innovazione, fiducia, ambiente, sicurezza, high tech, team – è stato presentato il nuovo logo aziendale impresso sulla torta con 20 candeline. «Il compleanno dell’azienda toscana – spiegano i quattro soci fondatori – è stato un modo per ringraziare tutti coloro che in questi vent’anni hanno collaborato al raggiungimento di questo importantissimo traguardo. Da soli non saremmo riusciti a portare avanti la nostra mission: il nostro motto è “insieme progettiamo il futuro”

 

SCARICA LA RASSEGNA STAMPA QUI DI SEGUITO: